Fashion Vs Food: Iconic Lena Vs Veggy Timbale

12376596_922993651089455_886513049443166733_n

 

Today the inspiration comes from fashion but not show but iconic women of our times. Found out on Instagram, Lena Terlutter, buyer of Boutique Belgique and owner of 4 stores in Koln, is one of my fav contemporary fashion insider. With her charisma, great outfits really inspirational and with what I call a perfect live: a great job, a big love a wonderful child and even the cutest dog ever!

Looking at her editorial on her new blog I recreate the hues and the velvet touch of vegetables in this timbale with spinaches and heart spun curd. A touch of red with a chips of red turnip and a poached egg on top.

 

fvsf

Ingredients:

1 egg and 2 yolks

500 gr fresh spinach

Parmigiano cheese ( grated )

4 red turnip

1 shallot

Oil for frying

Start washing and cleaning the fresh spinaches and a part making a sauteed shallot with a bit of oil.

Crumble the spinaches and mix with the cheese, grated before, 2 yolks and the sauteed shallots. Mix together to obtain a grainy mixture. Oil some cups for pie and preheat the oven at 365F. Put the spinach mix into the cups and let them bake for 25 minutes.

In the meanwhile wash and slice really thin the red turnip and let boil a pot with oil of seeds for frying. Flour the red turnip slices and let them fry in the boiling oil until they are golden. take them off and dry them with paper.

Aside boil some water and, with the help of a cup, put the egg into the boiling water and with a ladle create a circular vortice to obtain the poached egg. With a bit of practice you’ll obtain the perfect poached egg! leave them in the hot water for 1 minutes or two and then arrange on the timbale of spinaches and dress with the chips on top!

A bit of salt and pepper and here it is! A light and colorful lunch!

 

Ingredienti:

500 gr spinaci freschi

1 uovo e 2 tuorli

Parmigiano grattugiato

Scalogno

Olio di semi

Rapa Rossa

Procedimento:

Lavate e sminuzzate gli spinaci e mixateli con il grana grattugiato ed i due tuorli. A parte rosolate lo scalogno con un filo d’olio ed unitelo al composto. Oliate delle coppette per sformatini e portate il forno a 180 gradi. Una volta messo il composto di spinaci nelle terrine cuocete al forno per 25 minuti.

Nel frattempo affettate finemente la rapa rossa, infarinate ogni fettina e friggete in dell’olio bollente di semi finchè non diventano dorate. Scolatele ed asciugatele dall’olio della frittura.

Per l’uovo in camicia mettete a bollire dell’acqua e, con l’aiuto di una tazzina, rovesciate nell’acqua bollente l’uovo. Con un mestolo create un vortice circolare per aiutarvi ad ottenere l’uovo in camicia e dopo 1-2 minuti scolatelo.

Sformate lo sformatino, ponete l’uovo in camicia sulla cima e per finire le chips! Un pizzico di sale e pepe ed è fatto: un piatto leggero e pieno di colore! Provatelo!

Annunci

Past VS Present: from Prada to Kubrick

 

Untitled

Quando si dice che ormai nella moda, nell’arte, nella fotografia nulla viene più inventato partendo da zero, che tutto è già stato pensato, ideato e inventato. Cosa ci resta quindi da creare e inventare in un mondo in cui esiste già tutto? Quello che il nostro universo postmoderno ha da offrirci è una serie infinita di tasselli che compongono un puzzle, si tratta un po’ come il gioco del memory: non ci resta altro che trovare la coppia corretta. Meglio ancora, nel nostro caso, la “copia” corretta. Chi si è ispirato a chi e a cosa ma soprattutto quando. Parlando di moda, più precisamente di Prada, alcune tra le sue campagne più interessanti sono firmate dal fotografo “cinematogrfico” per eccellenza: Glen Luchford. Nel 1997 con le sue inconfondibili tracce di noir e mistero crea una campagna pubblicitaria per Prada di cui nessuno avrebbe mai messo in discussione l’originalità del risultato. Eppure ecco come anche un grande nome della fotografia ripropone lo scatto di Bill Beckley del 1977. Vent’anni prima, due correnti diverse, Luchford re della finzione filmicadello scatto e Beckley esponente della narrative art. Ad unirli un unico stile: atmosfera pseudo-thriller ed uno schema compositivo molto simile. Da qui nasce così lo scatto Prada con in primo piano le due seducenti gambe, ma il collegamento con Kubrick? Esattamente nella stessa campagna, altro scatto, stesso anno e stesso fotografo ma ispirato ad un decennio prima, il 1980. La modella Prada rivive nello scenario Luchford l’inquietudine del celebre labirinto dell’Overlook Hotel di Kubrick. Così il cerchio si completa, da Prada a Shining, semplicemente attraverso uno scatto.

A.

fgh copy

This is the perfect example of when you say that nothing borns new today. Everything is related and inspired from something older, so, what we can do in a postmodern reality where everything still exists? We only have to play with all the tiles that compose this huge puzzle, it’s something like the memory game with cards, we have to find out the right couple. Better if we look for the right “copy”. This is why I’ve found a connection between Prada and Kubrick with a time gap of 20 years. All began in 1997 when the cinematographic photographer Glen Luchford shot a campaign for Prada inspired by the work of the narrative artist Bill Beckley of 1977. It’s clearly an arraignment of the pseudo thriller set rich of mystery of these two sexy female legs that capture our attention such as in a noir movie. The same composition and the same style for two different authors in different times. It’s so easily now to say that in the same year, 1997, Luchford transposed the Prada’s model in another horror-thrilling movie of 10 years before: the famous Shining by Kubrick. So this is the game, and here it is: from Prada to Kubrick through a shooting.

A.

.:Fashion Icon:.

Viviana Volpicella

Viviana Volpicella è una di quelle personalità che non può essere sconosciuta a nessun amante del fashion. Una vera icona, di stile e non solo! La sua carriera corrisponde a tutta quella sfera del fashion system al quale aspiro da sempre ovvero styling and editing.

Nata come architetto inizia la sua scalata verso il successo partendo come assistente personale di Anna dello Russo tra i muri della redazione di Vogue Giappone. Oggi collega, presso l’agenzia Atomo Management, nonché amica della veronese Elisa Nalin lavora come editor e stylist. Uno dei suoi punti di forza che l’hanno portata alla notorietà, principalmente sul web, è sicuramente il suo stile, diventando una delle personalità più fotografate da blogger  e fotografi di streetstyle fuori dalle sfilate delle settimane della moda in giro per il mondo. Il suo infatti è uno stile accattivante, eccentrico e innovativo. Contraddistinto da un mix and math continuo di pattern, texture e colori attira l’attenzione degli obiettivi più celebri quali Scott Shuman, Tommy Ton e molti altri. Uno stile davvero esplosivo e ammaliante che anticipa tendenze e oggetti destinati a diventare veri must (si pensi ai suoi bracciali Angela Caputi, la Rabito cover per iphone,…). Adoro cercare ogni suo look ed intervento nella splendida rubrica di video di Garance Dorè che vi consiglio vivamente… e se non la conoscevate già, spero di avervi regalato una preziosa perla del fashion da seguire!

 

Viviana is one of my icons and one of my favourite fashionistas. I love her sense of style and her fab job: she’s an editor and stylist for the Atomo Management, the same agency of one of my other fav stylist Elisa Nalin. But what about Viviana? She’s originally an architect but she strated her great career in the fashion system as one of the assistants of Anna dello Russo, director of Vogue Japan. She’s incredibly stylish and she’s one of the most photographed girls outside the shows during all the fashion weeks around the world. Her streetstyle is extremely eccentric, original and a mixture of styles from preppy one to boyish one. She always creates outfits made up of a mix and match of patterns, colors and textures; really charming! Every little things she wears become a must: if you think about the iphone cover Rabito she launched last week or the plastic bracelets by Angela Caputi. I suggest you to follow her looks and even her videos on the Youtube channel by Garance Dorè. If didn’t know Viviana I hope to have showed you a new precious icon of fashion to follow!

276901-540x809

vivianavalentino

tfr

 

*Fashion Illustration by Alice B.

Pics from: Jack&Jil; Stockholm Streetstyle.

 

 

 

Chanel Iconic Bags

©5xpro IMG_3401© copyWhat do you know about one of the most legendary accessories such as the Chanel 2.55 bag? It’s one of the items that you will dream to have (or if you’re lucky you just own one!) for all your life! It’s so fab in its simplicity, its pureness in the material and in the design. But what is the origin of this iconic, and not only it, bag? So with this post I want to share with you its history. It’s called Chanel 2.55 because of the month, February, and the year, 1955, in which was created by the avant garde mind of Mademoiselle Coco. It’s made only of leather and its lining is burgundy in the classic model. The texture of the leather is really characteristic because it’s quilted to create a pattern with rhombus. It was ideated after the Second world war in order to respond at the needs of women of that time: practicality ad comfort. Karl Lagerfeld proposed again this model in 2005. Next he designed a new version of this bag with some additions: a leather band inserted in the chain of the shoulder strap, a change of the lock that from the “mademoiselle lock” made of a metal rectangle to the “C lock” made of the double C of the logo.
Every years we can see a new edition of this classic style from the Runway Lucky Charms, with all the charms of the history of the maison, to te last one with a printed palette of colors!

…It’s said that:

The quilted fabric is the one that Coco used to see at the stable boys of the horse races she saw;

The burgundy for the lining was the color of the uniform of kids in her orphanage;

The chain was the same that watchmen of the same orphanage wore to keep the keys.

 

Stay tuned for more fashion history of the most iconic items!

Con il post di oggi voglio condividere un po’ di storia che si nasconde dietro alla nascita di accessori cult come l’iconica 2.55 firmata Chanel. Una di quelle tante borse che si sognano per una vita! Questa borsa riesce a farci innamorare con la sua semplicità nei materiali e nelle linee, ma quanto sappiamo di lei? Com’è nata la Chanel 2.55? Innanzitutto il suo nome deriva semplicemente dal mese, febbraio, e l’anno, 1955, in cui è stata ideata da Mademoiselle Coco. Il suo fascino dato appunto dalla sua essenzialità non è casuale, Coco Chanel la disegnò all’insegna delle esigenze di una donna in carriera, moderna (seppur negli anni ’50) e quindi all’insegna della: praticità, dinamicità e comodità. Interamente in pelle trapuntata crea un pattern in rilievo a rombi, il matellassè, l’interno originario era di colore esclusivamente bordeaux e la chiusura quella che viene definita “mademoiselle lock” un semplice fermo rettangolare metallico. Nel 2005 Karl Lagerfeld la ripropose in commercio e si dedicò alla sua reinterpretazione dando vita alla sua gemella che insieme passerà alla storia: la Chanel 2.88. Le differenze non sono molte, Lagerfeld ha aggiunto solo qualche dettaglio: un lembo in pelle che si intreccia alla catena della tracolla e la chiusura “C lock” con la doppia C del logo. Ogni anno, in ogni collezione, ce ne viene proposta una versione nuova in edizione limitata, dalla Runway Lucky Charms con applicati tutti i più tradizionali charms simbolo della maison, fino all’ultimissima con stampato una tavolozza di colori!

…Si dice che:

Il tipico matelassé della borsa si ispiri ai giubbotti dei garzoni di scuderia visti da Coco nelle piste da corsa;

L’interno di un color bordeaux si ispira alle divise dei bambini dell’orfanotrofio che Coco frequentava da piccola;

La fattura della catena ricordava a Coco i portachiavi dei guardiani dello stesso orfanotrofio.

A presto con altre storie di altri iconici accessori,

A.

 

Past Vs Present: From Cinema to Fashion

Untitled-1

Dal fascino allo stile…

Dal look all’hairstyle…

Dalle righe divenute un must con il suo ruolo in “Fino all’ultimo respiro” nel 1960 alla celebre t-shirt del New York Herald Tribune indossata nella stessa pellicola…

Jean Seberg è un’icona del passato che rivive nel nostro presente…

Rodarte nel 2010 reinterpreta la N.Y Herald Tribune tee e Kristen Dunst la sfoggia per le strade di una New York contemporanea…

Emma Watson rinnova la sua immagine riprendendo lo stesso hairstyle

Per le sfilate P/E 2013 Dior, Marc Jacobs, Michael Kors, Dolce & Gabbana ripropongono il pattern delle righe che Jean lanciò dopo l’interpretazione dell’enigmatica Patrizia in “Fino all’ultimo respiro” di Jan Luc Godard…

Un mito della Nouvelle Vague che rivive nel nostro presente e continuerà a farlo…

From her charm to her style …

From the look to the haircut …

From the pattern of the stripes became a must with her role in “À bout de souffle” in 1960 to the famous tee of the N.Y. herald Tribune wore in the same movie…

Jean Seberg is an icon of the past still living in our present…

Rodarte in 2010 created a remake ok the must have tee of the New York Herald Tribune… and nowadays the actress Kristen Dunst wears it walking on the streets of the contemporary Big Apple…

Emma Watson inspired by Jean adopted the same hairstyle…

For Spring/Summer 2013 designers as Marc Jacobs, Dolce & Gabbana, Michael Kors, Dior proposed stripes in their collections…

An iconic actress of the Nouvelle Vague that is still alive in our present…

breathless7 jean-e-emma copyIHT_cover_2-custom1 copyCauchetier-_-Bout-_1673518iUntitled-2Jean_Seberg copyolivia_palermo_dior_ copyjean-seberg-1Stefanel 2013-02 copy